martedì 26 aprile 2011

Il Bocolo



Il bocolo a Venezia è un omaggio floreale che gli uomini in città consegnano alla propria donna amata il 25 di aprile di ogni anno. Il bocolo (pronunciato "bòcolo"), altro non è che il bocciolo della rosa rossa. Il significato di questo gesto l'ho già spiegato nel post relativo alla festa del 25 aprile a Venezia. Quindi i veneziani regalano il bocolo alle mogli, alle fidanzate, ma anche alle mamme o comunque ad una signora a cui si vuole bene.
E' una tradizione romantica che nessun veneziano (di una certa età) si sognerebbe mai di non rispettare. La giornata del 25 aprile ha visto quindi a Venezia, in concomitanza della festa di San Marco patrono della città, l'apertura straordinaria di tutti i fioristi. Per l'occasione il fiorista di Campo Santa Margherita è stato preso letteralmente d'assalto da numerosi clienti (vedi foto) che desideravano comprare il bocolo prima che andasse esaurito. I prezzi del bocolo andavano dai 3 euro in su. Anche qualche galante turista si è fatto prendere la mano ed ha regalato un bocolo alla propria compagna: pur senza capirne il significato relativamente alla festa del 25 aprile, è sempre gentile comprare il bocolo alla donna amata. Nella giornata di ieri si sono visti in giro anche molti venditori abusivi di bocoli che hanno approfittato del clima di festa per vendere quei fiori senza troppi problemi. 
Non potendolo fare di persona, voglio comunque regalare un bocolo virtuale a tutte le lettrici del blog. Sono un romantico….cosa ci posso fare?


11 commenti:

Maïté ha detto...

Grazie Fausto ; a presto !

Yvonne ha detto...

Thank you for the virtual bocolo, Fausto! This is a lovely tradition. You must have bought at least 3 of them, I think?

Ciao.

francis ha detto...

Grazie Fausto per el bocolo virtual
Ieri ero a Venezia una festa de bocoli ed in effetti anche se non in servizio, sono una accompagnatrice turistica, ho spegato a chi non sapeva e di chiedeva il perchè del bocolo rosso la storia del bocolo e che per i veneziani e per tutti i veneti che la festa del 25 aprile per noi è la festa de Dan Marco e che se va a San Marco protetor de la cità e dpo vien la festa dea Repubblica e questanno poi c'era anche pasquetta tre feste in una!!

Paola ha detto...

grazie per il boccolo virtuale e grazie per la spiegazione, essendo veneziana da poco non sapevo di questa tradizione, Paola.

Gi ha detto...

Ciao Fausto,
la conoscevo già ma oggi l'ho trovata con google:
Nella seconda metà dell'Ottocento la figlia del Doge Orso I Partecipazio, Maria, amava, ricambiata, un giovane di umili origini, un certo Tancredi. Il Doge ovviamente non approvava la relazione, così la fanciulla consigliò all'amato di andare a combattere contro i Turchi per nascondere la propria condizione con la gloria delle imprese. La fama di Tancredi fece il giro del mondo, il giovane si distinse valorosamente in guerra, ma fu ferito mortalmente e cadde su un roseto. Prima di morire però affidò all’amico Orlando un bocciolo tinto del rosso del suo sangue perché lo consegnasse alla sua amata come estremo pegno d’amore. Il 25 aprile, il giorno dopo aver ricevuto da Orlando il messaggio d’amore dell’innamorato, Maria fu trovata morta nel suo letto con il bocciolo sul petto. Da allora, il 25 aprile la tradizione vuole che lo stesso omaggio sia ripetuto dai veneziani perché ognuno di essi possa esprimere i propri sentimenti alla persona amata.
Che ne dici? E' questa la vera leggenda?
Ciao
Gianfranco Dall'Omo

Laura ha detto...

Grazie! Devo dire che la festa del bocolo mi manca tanto, mi sono ricordata ieri cosi' chiaramente le immagini e i ricordi del bocolo, di mio padre che ne portava uno lungo e due piu' corti per me e mia sorella, e le immagini di tutti gli uomini che tornano a casa con il bocolo per le moglie. Caro a tre euro!

Saro' a Venezia tra meno di due mesi, non vedo l'ora!

Alessandra ha detto...

Grazie Fausto ben venga l'animo romantico,non conoscevo questa tradizione veneziana.
A presto

iRiMiKi ha detto...

Grazie Fausto, se non ci fossi tu... ;-) qui a Padova, a soli 30 km di distanza, il marito al massimo ti porta dei carciofi da cucinare per cena!
Bella leggenda, bella tradizione.

Fausto ha detto...

Maité: A prestissimo!

Yvonne: I bought more than 3 bocoli!
Kind regards.

francis: E' vero, quest'anno per il 25 aprile c'erano ben 3 feste. Tutte così importanti, tutte così diverse.
Buona serata.

Paola: Ti dò il benvenuto come neo veneziana! Probabilmente l'anno prossimo riceverai anche tu il bocolo.
Ciao.

Gianfranco: La leggenda è' più o meno come la riporti. Leggi il mio post sul 25 aprile a Venezia, troverai quella storia come la conosco io.
Ciao.

Laura: Per i veneziani questa è una ricorrenza molto sentita. Non mi stupisce che tu ne provi nostalgia. Ti auguro che il tempo voli affinché tu possa tornare presto a Venezia.
Ciao.

Alessandra: Siamo rimasti in pochi ormai, di romantici. Ed è sempre un piacere regalare un bocolo (anche se virtuale) ad una donna!
Buona serata.

Irina: Lo sai che questa è una tradizione tipica di Venezia. E poi basta il pensiero, anche se ti offrono dei carciofi. :O)
Ciao.

Rayna ha detto...

un'usanza molto simile ho visto a Barcellona, sempre in aprile se non erro. Che non sarà il mare il nesto tra le due?!

Fausto ha detto...

Rayna: Non conosco la tradizione di Barcellona, tuttavia nonostante l'acqua in comune credo che il bocolo di Venezia non abbia la stessa storia di quello catalano.
Ciao.

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails